Politecnico di Milano, tecnologia ed innovazione: premiati 14 progetti

Switch2Product, Innovation Challenge è giunto alla decima edizione

Milano, 27 ottobre 2018 – Proclamate e premiate le 14 idee vincitrici di Switch2Product – Innovation Challenge, l’Innovation Challenge nata dalla collaborazione tra Politecnico di Milano, Deloitte e PoliHub con l’obiettivo di rafforzare la valorizzazione delle tecnologie nate dalla ricerca, sviluppare nuova imprenditorialità e promuovere soluzioni innovative di business.

Molte le novità di quest’anno. Innanzitutto, grazie all’accordo tra Politecnico di Milano e Università Bocconi sui temi dell’imprenditorialità innovativa, Switch2Product è stata aperta per la prima volta a studenti, docenti e alumni di Via Sarfatti. Quest’anno, inoltre, il montepremi complessivo sale a oltre 200.000 €, quale investimento del Politecnico sullo sviluppo tecnologico delle idee presentate, con grant dedicati a proposte di innovazione radicale (disruptive innovation). I 14 progetti selezionati abbracciano diversi settori di sviluppo innovativo: dalle Environmental & Green Technologies all’Industrial Manufacturing, dall’ICT al MedTech, dall’IoT agli Smart Products.

14 team vincitori saranno ammessi al Programma di Accelerazione imprenditoriale, che partirà nelle prossime settimane e sarà finalizzato alla realizzazione del proprio progetto di innovazione che include il consolidamento delle competenze di team, la prototipazione e lo sviluppo del prodotto, la strategia per l’ingresso nel mercato e il contatto con i fondi di investimento, nonché il test del modello di business.

A vincere il Grant di Sviluppo Tecnologico da 30mila euro sono stati i progetti “Bac3Gel” per la cultura dei batteri, Uheart”, dispositivo che consente la verifica della cardio-tossicità delle molecole fin dalle fasi più precoci della ricerca,“Agade”, una Smart device in grado di compensare l’azione della gravità,“Lithium Laser”, un nuovo laser ultra potente e Robotic Saffron”, un robot in grado di mondare e raccogliere lo zafferano. Assegnati anche due Grant per la Disruptive Innovation ai progetti “Loopus”, acceleratore analogico per il computing algebrico e “Tmek”, un nuovo test rapido di diagnostica della malaria in 5 minuti.

Tutti i progetti vincitori avranno inoltre la possibilità di essere supportati nella promozione e divulgazione delle loro idee verso stampa specializzata, industrial partners e investitori e potranno accedere a spazi comuni, servizi e facilities presso PoliHub per la durata del percorso di accelerazione. Il programma di accelerazione è realizzato da PoliHub, l’Innovation District & Startup Accelerator gestito dalla Fondazione Politecnico di Milano, dal Technology Transfer Office (TTO) e da Officine Innovazione di Deloitte in collaborazione con la Business School – MIP del Politecnico di Milano.

“S2P è alla sua decima edizione, un traguardo importante, una scommessa vinta – ha affermato Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano – che vede alcune conferme, come la partecipazione di Deloitte al nostro fianco, e alcune novità. Tra queste un maggiore investimento da parte del Politecnico, che quest’anno ha stanziato 210 mila euro per sviluppare la prima fase di proof of concept, anche per innovazioni ‘disruptive’. Una misura che si accompagna ad altre operazioni significative a favore delle startup, come il neonato Fondo di Venture Capital Polimi360. Segnali che dimostrano come il ruolo dell’università sia sempre più centrale nel liberare energie, nel fornire motivazioni e strumenti a quanti hanno la capacità di trasformare la loro ricerca in innovazione”.

“Siamo felici che la partnership tra Deloitte, Politecnico e PoliHub si rafforzi ulteriormente e siamo certi che insieme potremo farle fare un ulteriore salto di qualità, promuovendo le idee migliori e, una volta diventate start-up, innestandole sulle offering delle varie società del network Deloitte, così da offrire innovazione sempre più solida e concreta ai nostri clienti”, – ha aggiunto Andrea Poggi, Innovation Leader di Deloitte. “Anche quest’anno Deloitte ha messo in campo alcuni dei suoi asset distintivi e le competenze di Officine Innovazione, la sua startup innovativa che fornisce alle imprese clienti servizi di innovation development and management e attraverso il suo network di servizi completi end to end, in logica integrata e cross business.  Grazie a quest’impegno i risultati di S2P sono stati ancora una volta positivi in termini di quantità e qualità della partecipazione e del grado di innovatività raggiunta.”

“Siamo entusiasti del successo crescente della nostra competizione di punta, oggi diventata il rifermento nazionale per il trasferimento tecnologico dall’università al mercato attraverso la creazione e accelerazione di imprese innovative ad alto impatto. Il ruolo di PoliHub, ha sottolineato Stefano Mainetti, Amministratore Delegato di PoliHub, è proprio quello di partire dalle invenzioni e dai team vincitori per aiutarli nella non scontata trasformazione in imprese ambiziose e capaci di scalare i mercati globali.

Fonte: Il Giorno Milano